Battlefield 3 i server non funzionanti sotto attacco!

Attacco esterno alla parte server di Battlefield 3

Oltre 100 ore di disservizi, giocare Battlefield 3 online è una tortura per gli appassionati. La colpa? Di ignoti hacker con l’obiettivo di distruggere infrastruttura di Battlefield 3.

Battlefield 3 EA disconnected

Battlefield 3 EA disconnected

Il giorno che il gaming tornerà libero, questi disservizi finiranno immediatamente, sfortuntamente tutti gli appassionati del FPS bellico per eccellenza Battlefield 3, sono soggetti alla brutalità di questi disservizi. Il messaggio d’errore è sempre il medesimo “EA ONLINE DISCONNECT”, in alcuni casi è possibile collegarsi per alcuni minuti, poi si viene cacciati. I server di Battlefield 3, spariscono come gocce d’acqua nell’oceano, i pochi fortunati che riescono ad entrare all’interno di una partita, inesorabilmente vengono disconnessi dopo pochi minuti.

DICE nella sua massima lentezza non da peso al fatto, e così dopo 48 ore che Battlefield 3, la punta di diamante della stessa software house è totalmente inutilizzabile, arrivano i primi segni del “mia culpa”. Oggi dopo quasi 100 ore di disservizio, DICE tramite Twitter informa gli utenti che Battlefield 3 e relativi server EA sono attualmente sotto attacco esterno. Si brancola ancora nel buio, è aperta un indagine alla ricerca dei probabili colpevoli.

Considerando che Google abbonda di risultati, il forum all’interno del Battlelog è pieno di richieste d’aiuto, è altamente probabile che molti account EA\ORIGIN siano stati nuovamente compromessi. Certo che è abbastanza incredibile come uno dei prodotti più venduti nel campo videoludico, sia letteralmente abbandonato al suo corso. Così come è altrettanto incredibile che i dati d’accesso di ORIGIN necessari per accedere allo stesso Battlefield 3 siano costantemente rubati, trafugati, hackati.

Tre ore fa, DICE ha diffuso un nuovo messaggio attraverso Twitter, dove informa che la richiesta è troppo alta per garantire un servizio adeguato al momento. La domanda è una sola, possibile che EA nonostante disponga di budget milionario, non sia effettivamente in grado di proteggere il suo comparto server e attuare protezioni efficienti per proteggere gli account legati al FPS Battlefield 3 ? Basta introdurre un sistema simil Steam, per garantire maggiore tranquillità alla parte account, e assumere personale per il lato server.