Come funziona il Mining?

Come funziona il Mining?

Come funziona il mining

Le criptovalute sono un mondo realmente complesso, non è facile per l’utente in cerca di informazioni avvicinarsi al settore, perfino l’acquisto di criptovalute o la creazione delle stesse “il mining” è un processo articolato e notevolmente tecnico.

Che cosa è il mining? In questo articolo, cerchiamo di fare chiarezza sulla rivoluzione digitale economica di scale mondiale.

Il mercato ad oggi è composto da due categorie, gli amanti del trading che si sono gettati nell’acquisto di criptovalute (come Bitcoin) e dal mining, investitori che grazie alle competenze tecnico economiche preferisco estrarre criptovalute. Il mining infatti è un processo indispensabile per il movimento delle criptovalute, quando qualcuno vende o compra Bitcoin, ciò è reso possibile dal mining.

Nell’economia tradizionale, i nostri soldi sono spostati grazie ad una rete di server centralizzata e controllata da enti, banche e governi di tutto il mondo. Il mining è l’infrastruttura per il movimento delle criptovalute, il vantaggio? Decentralizzata (non esistono organi o governi di alcuna nazionale che possono controllarla o alternarla), libera (ogni miner, può decidere di contribuire alla moneta che maggiormente preferisce), anonima (il nome criptovalute non è scelto per caso, indica chiaramente che il processo di creazione è anonimo).

Come fare mining?

Per diventare un miner, sono fondamentali tre elementi;

  • Location
  • Hardware
  • Competenze tecniche

La location è una scelta molto importante. E’ fondamentale un ambiente pulito e fresco. Molti miner, scelgono montagne, caverne e luoghi tra i più freddi al mondo. Il clima rigido è di fondamentale aiuto, in quanto hardware per il mining sprigiona un notevole calore. Hardware che effettua mining, è sottoposto incessantemente ad operazioni di calcolo e stress, il controllo della temperatura ambientale è fondamentale per impedire continui guasti.

Se quindi è chiaro che la temperatura, gioca un ruolo cardine, troviamo hardware che altresì deve essere scelto con cura e dedizione. Quest’ultimo punto è formato dalle conoscenze e competenze che tecnici del mining mettono sul piatto. Generalmente le operazioni di mining, sono affidate nelle mani di personale specializzato in hardware, software, elettronica, importanti  sono le competenze elettrotecniche, per la realizzazione e messa in sicurezza elettrica.

Come funziona il mining di criptovalute?

Il mining nasce con Bitcoin, tra il 2008 e il 2009, inizialmente il mining era demandato alle CPU di tradizionali computer, come tutti i mercati innovativi, presto le cose sono notevolmente cambiate.

Dalle CPU alle GPU. Le schede grafiche prodotte da AMD e Nvidia, hanno sostituito al 100% il ruolo delle CPU. Il mining infatti per funzionare necessità di una notevole potenza espressa in Hash. Maggiore è Hash, maggiore è la velocità eseguire calcoli, maggiore è il profitto. Le schede grafiche, rispetto le CPU sono notevolmente più veloci.

Presto i miner, hanno compreso che era necessario collegare più GPU (schede grafiche) in parallelo ed unire sempre più hardware. Da qui la definizione di Mining Farm. L’aumento del Hashrate è la chiave per l’aumento dei guadagni.

Con la sempre maggiore unione di componenti per effettuare mining, nascono nuovi problemi;

  • L’aumento di temperature
  • La difficoltà di mining
  • La scarsità di schede grafiche

I miner, hanno iniziato ad incontrare le difficoltà delle temperature. Una singola GPU al 100% delle sue capacità raggiunge tranquillamente i 70-80° l’unione di esse come conseguenza rappresenta una notevole opportunità di guadagno ma al tempo stesso, un problema da risolvere. Il calore prodotto è tale, che alcuni miner, hanno sperimentato con successo il riscaldamento di intere abitazioni, altri hanno dovuto adeguare le loro infrastrutture.

Tuttavia con l’aumento del Hashrate, Bitcoin (e tutte le altre criptovalute), aumentano altresì la difficoltà di estrazione delle stesse. Per l’esattezza ogni 2016 blocchi (circa ogni 2 settimane), la difficoltà aumenta o diminuisce in base la potenza complessiva mondiale.

Molti miner, foraggiati da investitori e altrettanti interessati miner, hanno iniziato letteralmente ha razziare dal mercato le migliori VGA GPU, causando il malcontento di gamer e professionisti che desiderano acquistare schede grafiche per compiti diversi. La domanda ad oggi è talmente elevata, che le fabbriche non riescono in alcun modo ha sopperire alla richieste, perfino il raddoppio e in taluni casi l’incremento del 300% sul prezzo di vendita da listino non ha fermato i miner. Recentemente Nvidia (leader indiscusso), ha invitato i propri distributori ad imporre limiti per l’acquisto di 2 VGA GPU per singolo cliente, al fine di consentire una vendita più equa e distribuita. Tale invito è stato respinto al mittente. Ancora più critica la situazione di AMD, dove modelli top gamma, non hanno mai visto la luce dal loro debutto ufficiale. In buona sostanza, gruppi di miner, effettuano ordinativi così ingenti da rappresentare interi semestri come bilancio aziendale delle rispettive compagnie. Di fatto l’appassionato di videogame, il grafico, e perfino produttori come Apple hanno dovuto slittare l’uscita di computer e soluzioni basate su questi prodotti, perché di fatto irreperibili.

Le schede grafiche naturalmente sono alcuni degli elementi colpiti da questo forsennato e esasperato acquisto. Seguono tra i principali;

  • Alimentatori; L’elevata energia richiesta per il funzionamento, ha prosciugato la produzione di Corsair da sempre riferimento e massima sicurezza nel campo degli alimentatori. Anche Corsair ha provocato senza successo ad applicare un limite all’acquisto, per singolo cliente.
  • Schede Madri; L’assenza di soluzioni dedicate, ha portato all’esaurirsi di prodotti adattabili allo scopo. Solo recentemente, alcuni produttori, stanno sviluppando ed immettendo sul mercato soluzioni dedicate, che ovviamente al momento risultano del tutto irreperibili.
  • RAM; Difficile fermare invece l’industria delle memorie, che vede decine di produttori. Tuttavia anche in questo campo, l’aumento di prezzi è enorme.

Come minare criptovalute?

Assodato che quanto scritto sopra, trovi soluzione, la ricetta che ogni miner deve seguire è la seguente;

  • Accurata scelta della criptovalute da minare. Il mining di Bitcoin non è un operazione sostenibile, economicamente in primis. Esistono oltre 1600 criptovalute, tutte facilmente convertibili in Bitcoin.
  • Notevoli competenze hardware software, per la scelta di componenti e per la corretta configurazione. Aggiungerei anche una spiccata dose di pazienza, ricordiamo infatti che il mining non è settore di certezze, ma attualmente è basato sulle competenze del singolo.
  • Una mining pool, necessaria per veicolare tutte le proprie risorse hardware e incrementare complessivamente i profitti.
  • Iscrizione ad uno o più Exchange per la vendita e scambio delle criptovalute prodotte.
  • Fibra Ottica, per la gestione completa di tutte le attività di mining.
  • Un computer separato dalla rete di mining, fondamentale per le attività di manutenzione, che saranno costanti e giornaliere.

Se quanto avete letto finora è presente, potete proseguire nella lettura.

Iniziamo a fare mining;

  • Passo 1, apritevi con un conto su CoinBase, vi servirà per vendere e comprare criptovalute e per trasformarle in denaro sonante. Prendete confidenza con il sistema.
  • Passo 2, scegliete la vostra criptovaluta da minare, ne esistono oltre 1600 alcune non minabili. Potrei suggerivi quelle che ritengo più promettenti, ma preferisco che ognuno, dedichi la giusta attenzione al progetto in cui crede.
  • Passo 3, assemblate la vostra macchina per minare. Alla stesura di questo articolo, le schede grafiche su cui puntare sono le GTX 1070TI e le GTX1080TI, quest’ultime rappresentano il Top Gamma in assoluto per l’attività di mining. Probabilmente, vi scontrerete con due fatturi, il prezzo delle schede video e la disponibilità delle stesse. Da circa 18 mesi, le VGA Top Gamma, sono veramente perle rare da trovare. Se avete intenzioni serie, quindi ai acquistare un volume di schede elevato, vi consiglio di contattare Assistenza Computer Roma, certamente posso aiutarvi dalla A alla Z.

Successivamente diamo per scontato, che le vostre capacità tecniche, elettrotecniche, conoscenze informatiche siano tali da intraprendere un percorso in totale autonomia. In altri casi, vi consigliamo di investire in Bitcoin, approfondendo il discorso con l’articolo dedicato.