Come rimuovere Cryptolocker

Cryptolocker Cryptowall

Cryptolocker Cryptowall

Come prevenire e rimuovere virus Cryptolocker

Se siete arrivati qui, probabilmente siete tra i tanti sfortunati, che sono stati infettati dal terribile virus malware Cryptolocker. La minaccia è già nota da anni, soprannominata è conosciuta anche con varianti del tutto simili, come il Cryptowall o più comunemente in Italia come il “virus del riscatto”.

Se fino pochi anni fa, prendere un virus, significava danneggiare (anche in maniera grave!) il sistema operativo, con le ultime release i sempre più frequenti aggiornamenti della Microsoft, la musica è decisamente cambiata… Ovviamente, si sa, legge fatta, inganno trovato… Davanti la dura realtà, dove le minacce informatiche vengono estinte in automatico dall’antivirus e dove le falle vengono chiuse in tempi rapidissimi, è stato deciso di escogitare un nuovo sistema.

Il Cryptolocker – Cryptowall è innanzitutto riconosciuto e bloccato da pochissimi antivirus. Molto spesso, quando viene rilevato e neutralizzato la frittata è già fatta. Cosa intendiamo per frittata? Molto semplice; tutti i vostri file, sono irrimediabilmente persi, proprio perché vengono criptati (tuttavia esistono rare eccezioni, dove il recupero è qualcosa di fattibile).

Abbiamo contatto Assistenza Computer Roma al 800808838, per capire meglio e fare il punto della situazione.

Come rimuovere Cryptolocker Cryptowall?

La risposta è sì. Possiamo rimuovere Cryptolocker e CrytoWall, ma non lasciamioci ingannare dalle parole. Rimuovere nella maggior parte dei casi, non significa recuperare i file. Rimuovere Cryptolocker e CrytoWall significa ripristinare il sistema operativo al coretto funzionamento. Tuttavia questa procedura richiede svariate ore e spesso è preferibile ricorrere alla Formattazione.

Cryptolocker e CrytoWall non solo rendendo irrecuperabile buona parte dei dati, ma creano anche dalle 500 alle 500.000 variabili informative sparse nel sistema operativo. E sebbene, ripetiamo sia possibile “disinfettare” OS, molto spesso è più logico dedicare 3 ore per un completo ripristino che 10 per una semplice (e mai sicura al 100%) disinfezione.

Come prevenire Cryptolocker Cryptowall?

  • Punto primo, la maggioranza degli utenti infetti, semplicemente non aggiorna l’intero software del proprio Computer. È facile imbattersi in Windows XP (dove ricordiamo che il supporto della Microsoft è terminato da tempo…) o software di posta elettronica del Medioevo. In moltissimi casi, gli utenti scaricano la posta con l’antichissimo Outlook Express 6.0, facendo incetta di Spam di ogni genere. Aggiornare non è obbligatorio, poi però piangere lacrime di coccodrillo, non è una scusa plausibile.
  • Punto secondo, ad oggi (Febbraio 2016) la variante in circolazione identificabile come la 4.0, viene riconosciuta ed eliminata da praticamente pochissimi software. Tra questi figura il solito noto ed efficientissimo MalwareByte.

Ulteriori consigli su come prevenire Cryptolocker Cryptowall;

  • Sistema operativo sempre aggiornato!
  • Comuni software di utilizzo sempre aggiornati (Office e derivati)
  • Massima attenzione alla tipologia di file, che vengono scaricati. Nella maggioranza dei casi, la diffusione e propagazione avviene attraverso mail, in file spesso compressi(rar, zip). È facile imbattersi in finte bollette e comunicazioni di operatori autorevoli (energia elettrica, telefono…), che sollecitano pagamenti o inviano finte fatturazioni, che non sono altro che Cryptolocker Cryptowall.
  • Limitare soprattutto in ambito aziendale, chiavette usb, Hard Disk USB e unità di esterne all’ambiente lavorativo. Per esperienza,  anch’esse spesso sono una propagazione Cryptolocker Cryptowall.

Cryptolocker Cryptowall backup dei file

Eseguire regolari backup è senza ombra di dubbio una strategia di protezione. Come ci raccontano i ragazzi di Assistenza Computer  Roma vige la pessima abitudine di non fare nessun backup. Tantè che possiamo coniare un nuovo motto se non avete alcun backup, semplicemente i vostri file non sono importanti”. 

Da tenere presente, che al momento l’unica vera soluzione è rappresentata comunque dalle soluzioni in Cloud o da backup tradizionali ridondanti e continui. E’ importante ricordare che Cryptolocker Cryptowall cripta anche le unità connesse via USB, Lan, FireWire, rendendo quindi vano il lavoro svolto da classici NAS con software di backup tradizionale. Al contrario di moltissime soluzioni cloud, che offrono oggi giorno, la possibilità di scalare la cronologia del documento, permettendo un recupero totale. Qui entra sicuramente in gioco, la capacità di società come Assistenza Computer Roma che centralizzano e sviluppano strutture e soluzioni in Cloud per qualunque ordine di grandezza.

Sono infetto da Cryptolocker Cryptowall, cosa faccio?

  • In primis, non pagare alcuna cifra che viene richiesta. Cryptolocker Cryptowall richiedono fino 700 euro e “garantiscono” il recupero dei propri file, in decriptaggio in sostanza. Non abboccare quindi è il primo passo, pagare non è la soluzione.
  • Secondo, spegnere il computer il prima possibile. Secondo alcuni studi e prove in laboratorio Cryptolocker Cryptowall sono in grado di criptare centinaia di file, in pochi minuti.
  • Terzo, assicurarsi che tra le unità collegate siano state disconnessi Hard Disk, Pen Drive e tutte le possibili unità di memorizzazione esterna. Cryptolocker Cryptowall provvedono al criptaggio anche di esse.
  • Quarto, se il computer era connesso ad una rete LAN aziendale, disconnetterlo rimuovendo il cavo di rete. Va tenuto presente, che è altamente probabile che Cryptolocker Cryptowall, stia già lavorando nei computer presenti nella rete.

Per tutte le verifiche del caso, è consigliabile utilizzare una distribuzione Linux, per chi fosse completamente privo di conoscenze informatiche, l’unica è quella di avallersi di un servizio di assitenza tecnica.

Esistono Antivirus contro Cryptolocker Cryptowall?

Si, MalwareByte è un eccellente software, che sta sviluppando (ed è disponibile attualmente in fase beta) una soluzione preventiva. Tuttavia, prevenire è meglio che curare… Il consiglio è quello di cambiare sistema operativo, Linux e Mac OSX allo stato attuale risultano immuni. Sebbene siano soluzioni con Vantaggi e Svantaggi, possiamo assicurarvi che la sicurezza dei vostri file, è decisamente superiore.

Per tutte le informazioni e assistenza al vostro computer, vi consigliamo di contattare il numero verde gratuito 800808838.