Come scegliere una bicicletta elettrica

come scegliere una Bici Elettrica

Bici elettrica ecco come sceglierla

Più costose delle bici tradizionali, quelle elettriche rappresentano un eccellente alternativa, per chi deve percorrere lunghe distanze o strade in salita. Attenzione al motore e alla batteria.

Design sempre più curato, leggero e sottile fanno delle biciclette elettriche un trend costantemente in crescita. Le biciclette elettriche sono sempre più raffinate, curate nei dettagli ma soprattutto hanno beneficiato di una dieta, che le rende sempre più confortevoli.

I produttori mirano da un lato a renderle più maneggevoli e facili da sollevarle, in modo da farle sembrare più simili (non solo esteticamente) a quelle tradizionali, dall’altro lato cercano di proteggerle, dai sempre onnipresenti e più abili ladri di biciclette (vedi come proteggere la bicicletta in città).

La bicicletta elettrica è perfetta come alternativa all’auto, soprattutto in quelle zone di città con tante salite e discese, allora tanto di guadagnato. Lo sforzo per pedalare è praticamente nullo, il motore elettrico entra subito in assistenza del ciclista, rendendo la pedalata un vero piacere in qualsiasi contesto. C’è da dire però, che (fatto salvo modifiche illegali), il motore elettrico assiste la pedalata fino i 25km\h, poi entra in stand-by per riprendere appena scende la velocità, questo da un lato è un limite imposto dal regolamento stradale, dall’altro serve anche per tutelare la sicurezza del ciclista e la durata della bicicletta.

Quanto costa una buona bicicletta elettrica?

Costi? Una bicicletta elettrica di buona qualità, mediamente si aggira sui 2000 euro, ma attenzione ci sono 3 fattori cruciali prima di metter mano al portafoglio che vanno ben analizzati;

  1. La batteria
  2. Il motore
  3. L’assistenza post-vendita

Le batterie al litio, sono quelle più costose, che da sole influenzano il 75% del costo della bicicletta elettrica. Sono tuttavia più durature, capienti (quindi maggiore autonomia – km percorsi). Il litio inoltre, non soffre delle scariche\cariche delle batterie al piombo che inevitabilmente dopo pochi mesi, vi lasceranno. Il motore; meglio sull’asse centrale della bicicletta, agevola le operazioni di manutenzione e sostituzione delle camere ad aria, evitando di recarsi in una ciclo-officina. Aumenta notevolmente anche la stabilità, il peso essendo uniforme, è quanto di più simile ad una bicicletta tradizionale. Infine c’è l’assitenza post-vendita, Amazon.it è un ottimo referente (quantomeno per tutto il periodo di garanzia legale).

Come scegliere una buona bici elettrica;

Come scegliere una bici elettrica

Una buona bicicletta elettrica è principalmente la sua batteria, dato che il motore è costantemente alimentato dalla batteria, va da sé che maggiore è la autonomia, maggiori saranno le distanze che si possono percorrere in bici, senza doverla ricaricare. La maggioranza dei modelli in vendita anche su Amazon.it hanno capacità di 400W, pari ad almeno 40km di autonomia con assistenza continua alla massima potenza (che si traduce nel minor sforzo possibile durante la pedalata).

Come scegliere una bici elettrica

Il motore integrato sul mozzo o al tubo obliquo è quello che rende la pedalata più vicina a quella naturale, dà l’aiuto migliore in salita e non ostacola lo smontaggio delle ruote.

Come scegliere una bici elettrica

L’assistenza del motore si regola attraverso un comodo display, posto sul manubrio: qui si può scegliere tra i diversi livelli di potenza, verificare dati come il livello di carica e l’autonomia residua stimata. Tuttavia, le informazioni sono sempre molto approssimative.

Fattori negativi della bicicletta elettrica

Come scegliere una bici elettrica

Un fattore sicuramente da evitare è il motore nella ruota anteriore, c’è  il rischio che la ruota anteriore slitti sui percorsi più difficili (pavé o salita), compromettendo la nostra sicurezza.

Anche il motore posteriore è da evitare, rende particolarmente complesso, smontare la ruota in caso di foratura, per la coesistenza di motore e cambio.

C’è infine da tener in considerazione la durata della batteria, se si usa tutti i giorni la batteria va cambiata ogni due anni. Per il resto, viva la bicicletta elettrica e speriamo che questa breve guida possa aiutarvi, nel condurre una vita più sana e sicuramente meno stressante dal traffico cittadino.