Guadagnare con Google Adsense: PARTE 2

Andiamo nella nostra pagina Google Adsense e clicchiamo su “impostazioni Adsense” e successivamente su “adsense per i contenuti”.

Qui potremmo scegliere tra annunci link o unità pubblicitarie. Io consiglio solitamente le “unità pubblicitarie” ma tutto dipende ovviamente da com’è strutturato il blog.
Una volta completati tutti i parametri ci verrà dato un codice Google Adsense in formato HMTL da inserire nel nostro blog. L’obiettivo è quello di riuscire a ricevere click dagli utenti che visitano il sito.

Che annunci scegliere e dove metterli:

Per fare in modo che le persone clicchino gli annunci , dobbiamo giocare un po’ d’astuzia. Google Adsense ci vieta infatti di istigare, in qualsiasi modo, le persone a cliccare.
Gli annunci devono essere cliccati di spontanea volontà.
Per scegliere la disposizione e l’aspetto dei miei annunci, ho usato un metodo abbastanza intuitivo :

Ho pensato a cosa farei io. Mi sono messa nei panni di un utente che capita per la prima volta nel sito.

Prima di tutto osservo i post e vedo se c’è qualche argomento interessante, do un’occhiata anche alla barra del sito, dove solitamente è inserito un menù per poter navigare più facilmente.

Trovato l’argomento che mi interessa, ci clicco sopra. Mi si apre l’articolo, inizio a leggerlo, finito l’articolo vedo che ci sono dei collegamenti simili a ciò che ho appena letto e ci clicco sopra.

Capite che voglio dire? Cliccando su quei collegamenti ho fatto guadagnare un po di soldi al responsabile del sito senza nemmeno saperlo. Io non ci perdo niente e continuo con i miei approfondimenti, mentre l’amministratore ci ha guadagnato un click.

Ecco cosa penso sul posizionamento degli annunci:

Google Adsense ci permette di aggiungere solo 3 annunci visuali per pagina, quindi siamo limitati e dobbiamo decidere dove meglio inserirli.

Io vi consiglio di inserire un banner orizzontale sotto il titolo del post, poco prima che inizi l’articolo, e un quadrato grande alla fine dell’articolo. Perchè questo?

Secondo alcune statistiche e secondo le mie esperienze, un lettore di fronte ad un articolo reagisce in questo modo :

  • Se l’articolo è corto e non necessita nemmeno dello scorrere del mouse, noterà immediatamente il banner orizzontale ad inizio pagina e, se troverà qualcosa di suo interesse, vi cliccherà sopra.
  • Se l’articolo è lungo, il lettore dovrà scorrere fino in fondo e non perderà tempo a tornare in cima all’articolo, perciò occorre attirare la sua attenzione con un banner a fine post.
  • Un lettore interessato al sito, dopo aver letto un paio di articoli, cercherà nella barra laterale un menù che gli consenta di frugare e trovare qualcos’altro di interessante. Consiglio quindi d’inserire un banner verticale e camuffarlo in modo da farlo sembrare un menù.

Per camuffare i banner di Google Adsense basta che scegliate i colori giusti quando create il banner dalla vostra pagina di Adsense. I colori devono essere il più possibilmente assomiglianti a quelli del vostro sito.

Per questo possiamo utilizzare un Plugin di Firefox che si chiama Colorzilla. Questo Plugin ci permette di utilizzare il contagocce in qualsiasi pagina internet passando sopra con il mouse. Il codice del colore ci apparirà ai piedi della pagina. In questo modo potremmo sapere i codici colore del nostro sito e creare un banner Google  Adsense uguale e spiccicato .